MEJIBRAY: una band unica.

Una rubrica tutta dedicata al visual kei, a cura di Stefania Viol.

 

Tra le band visual kei più originali del momento troviamo sicuramente i MEJIBRAY, una band che, formatasi nel 2011, si è meritatamente imposta con forza in questo ambito, attirando l’attenzione di centinaia di appassionati. E come dar torto ai loro fan? 

Resistere al fascino dei MEJIBRAY è praticamente impossibile. La band propone un sound molto aggressivo, violento ed energico, in cui i quattro membri riescono a dare massima espressione al loro talento: Tsuzuku, cantante dalla voce potente, profonda e roca; MiA, chitarrista dalla tecnica e dalla velocità impressionati; Koichi, bassista di livello superbo; Meto, batterista dall’energia e dalla forza incredibili vista l’esile corporatura. E i MEJIBRAY non sono solo una band da ascoltare, ma anche da guardare: tutti i membri hanno un carisma strabiliante e, una volta deciso un tema di base, diverso per ogni disco, elaborano liberamente il loro look, accentuando la propria individualità e curando ogni minimo dettaglio, in una continua innovazione ed evoluzione che non trova eguali neanche all’interno di un movimento come il visual kei. Il loro valore artistico non si limita dunque al sound, ma trova espressione anche nei costumi, nel trucco, nelle acconciature. La musica e il look si fondono insieme, diventano un tutt’uno, un’unica espressione artistica: non è esagerato affermare che i MEJIBRAY sono uno dei gruppi che meglio rappresentano quello che è lo spirito e il concetto di base di tutto il visual kei. Non a caso la lista dei loro successi è lunga: Sabbath, Sliver, Avalon, Divergence, DECADANCE - Counting Goats ... if I can't be yours - e Theatrical Blue Black sono solo alcuni esempi di pezzi imperdibili firmati MEJIBRAY.

 

 

Il 2015 si prospetta un anno promettente per la band, che a gennaio ha annunciato un programma di uscite che prevedeva il rilascio di un DVD e di due singoli fra marzo e maggio. Il primo a essere nei negozi è stato il DVD THE THEATRICAL SHOW ‘Tori wa oyogikata o shirazu obore nakigara’ at Shibuya Kōkaidō, che ripropone per tutti i fan le emozioni del concerto tenutosi allo Shibuya Kōkaidō, una sala dalla capienza di ben più di 2000 spettatori, lo scorso dicembre. Come si può intuire dal titolo, il concerto è stato incentrato principalmente sul loro ultimo album, THE"420"THEATRICAL ROSES (Novembre 2014): il tema è dunque la teatralità, rispecchiata dall’elaborata scenografia, dall’atmosfera allo stesso tempo cupa e fiabesca ricreata sul palco, accentuata ancor di più dai costumi dei membri, che chiaramente rielaborano l’immaginario di principi, principesse e personaggi delle favole. Si tratta dunque di un DVD particolarmente coinvolgente e imperdibile.

 

 
Ad aprile è stata la volta di Nepenthes, il loro singolo più recente, che contiene tre nuovissimi pezzi. La canzone che gli dà il titolo è nel classico stile MEJIBRAY: un sound potente e aggressivo, che nel ritornello si mescola a una melodia più orecchiabile, rendendo il brano molto coinvolgente. Genzai no Ringo è una canzone unica e dall’atmosfera inquietante, resa in modo molto efficace dal ritmo incalzante di batteria e basso e dall’incredibile capacità interpretativa del cantante Tsuzuku. La terza e ultima canzone del singolo è Isago ni kaerishi kimi hashiru, un pezzo melodico e sentimentale, che si stacca nettamente dai precedenti e che dimostra quanto questa band sia versatile.

 

 

Il 6 maggio i MEJIBRAY metteranno in vendita Eiki, a chiusura della serie di uscite: cosa avranno in serbo per noi questa volta? Dovremo aspettare ancora un paio di settimane per scoprirlo, ma sarà certamente qualcosa di imperdibile! 

 

  • 1
  • 2