Artificial Academy

 


Artificial Academy (JP: Jinkō Gakuen) è una serie di videogiochi di simulazione erotica (eroge) sviluppati e distribuiti da Illusion, che comprende due titoli: il primo, che dà il nome alla serie, è uscito nel giugno 2011, mentre il secondo, Artificial Academy 2 (JP: Jinkō Gakuen 2) è uscito tre anni esatti dopo, giugno 2014.

La serie è uno spin-off della trilogia Artificial Girl, sempre sviluppata da Illusion, il cui ultimo titolo è uscito nel 2007, ed è ambientata in una scuola superiore, con tanto di club scolastici. Fin da subito il giocatore avrà molta libertà di scelta, essendo in grado di selezionare l’aula e il club che preferisce. Non solo, oltre all’avatar di gioco sarà anche possibile creare l’intera classe (maestro compreso) in cui si troverà il nostro protagonista. Si possono utilizzare i vari personaggi pre-impostati oppure li si può creare da zero nelle apposite impostazioni di gioco. Le possibilità sono quasi illimitate grazie all’elevato numero di opzioni. Nella creazione dei propri compagni di classe avrà molta importanza il carattere/personalità, perché definirà l’andamento delle relazioni con gli altri.

Già in questo primo momento possiamo capire la natura del gioco: infatti il personaggio, che andremo poi a personalizzare, è completamente svestito; anche nelle varie inquadrature di selezione e nell’elenco di classe, tutte le persone appariranno come mamma le ha fatte. Oltre a questo, sempre nelle impostazioni di modifica possiamo capire l’audience a cui il gioco è realmente indirizzato, siccome le caratteristiche femminili sono di gran lunga maggiori di quelle maschili.

Una volta impostate le basi, il gioco comincia, in maniera abbastanza semplice: ti alzi dal letto, ti prepari e vai a scuola. Una volta arrivato, siccome la campanella di inizio lezioni non è ancora suonata, puoi liberamente interagire con tutti gli studenti già presenti e muoverti per i corridoi, sempre inquadrato da una telecamera fissa. Ovviamente col tempo (e l’inizio delle lezioni) arriveranno più studenti.

La costruzione delle varie relazioni funziona come in una classica dating sim: incontri uno/a, ti presenti, gli/le parli; in seguito lo/la inviti a mangiare, studiare, allenarsi insieme. È chiaro che tutto questo dipende dal carattere dell’individuo impostato in precedenza: ad esempio, se ti interessa uno studente riservato, dovrai faticare di più per mettere in piedi una relazione seria. Una volta che il “corteggiamento” sarà andato in porto, si potrà passare a quello che è il fine ultimo del gioco: l’atto sessuale. Bisogna subito precisare che non è una clip che possiamo guardare oppure no; al contrario, è tutto interattivo: siamo noi a decidere, mediante appositi tasti, le varie posizioni e anche gli eventuali vestiti da togliere.

Proprio in questo momento “hot” si materializza nel gioco, davanti a noi, l’ibridismo. Mentre il predecessore Artificial Girl aveva solamente un avatar maschile che interagiva con NPC (non-playable characters) femminili, in Artificial Academy tutti possono mettersi con tutti. Oltre alla classica relazione etero, saranno possibili relazioni amorose (con eventuale amplesso) di avatar maschili e femminili con persone del loro stesso sesso. Queste preferenze omosessuali valgono anche nel caso il personaggio giocabile faccia da Cupido e metta insieme tra loro due NPC (pure questo è permesso).

In precedenza ho menzionato come l’atto sessuale sia il fine ultimo del gioco; in realtà non è del tutto vero. Esiste anche un’altra possibile conseguenza delle nostre “manipolazioni amorose”, ovvero l’omicidio (sì, avete letto bene). Infatti, se diventiamo amici di uno studente che si ingelosisce facilmente e/o particolarmente violento (la nota personalità yandere), c’è il rischio che un altro studente a noi caro venga trovato morto poco dopo, oppure che noi stessi ne subiamo le conseguenze. Questo è uno dei due casi in cui si ottiene un Game Over; l’altro è quando una ragazza rimane incinta, fatto che comporta l’espulsione.

Tenendo conto di tutto ciò, io personalmente definirei i due giochi della serie Artificial Academy come senza infamia e senza lode. La grafica non sarà delle migliori però, riguardo al gioco in sé, dai video che ho visto posso dire di avere comunque apprezzato due aspetti in particolare: una è la grande varietà di cose da fare, che tengono continuamente impegnato il giocatore; l’altra è il normalissimo approccio alle relazioni omosessuali, trattate alla stregua di tutte le altre e senza particolari differenze.

Il principale aspetto negativo riguarda gli NPC con cui si è familiarizzato; spesso, infatti, tendono a seguirti molto e da tutte le parti, per chiacchierare con te. Questo rischia di rovinare il ritmo del personaggio da noi controllato e le sue azioni in particolare.

A parte questo il gioco offre possibilità quasi illimitate e per certi aspetti può risultare divertente (posizione condivisa da molte persone nei loro video sull’argomento).

   
 
 
  • Hina matsuri – la festa delle bambine

    Lo hina matsuri 雛祭り, noto anche come “festa delle bambole” o “festa delle bambine”, è una ricorrenza che si celebra
  • Il lusso a tavola

    Nell’immaginario collettivo sono molti gli esempi di piatti unici provenienti dal Giappone. L’unione fra ingredienti di primissima scelta e maestria
  • Veg Japan: guida per vegetariani in Giappone

    Il senso comune attribuisce alla cucina giapponese qualità quali la leggerezza e l’utilizzo intensivo di verdure. Per i vegetariani e
  • Il dorayaki: un dolce spaziale

    Il dorayaki (どら焼き) è un dolce della tradizione giapponese. Probabilmente tutti lo riconosceranno grazie al famosissimo anime Doraemon dove il
  • Il Giappone e l’arte del packaging

    In principio era il furoshiki, il tradizionale foulard giapponese. Più o meno prezioso nel tessuto o nelle decorazioni, era utilizzato
  • 1
  • 2