NipPop @FEFF20: One Cut of the Dead


Cos’è più importante? La propria vita o l’arte? Una troupe cinematografica si reca in una fabbrica abbandonata per girare un film piuttosto insolito. È questa la premessa di One Cut of the Dead (Kamera wo tomeruna カメラを止めるな), di Ueda Shinichirō che abbiamo visto per voi al FEFF20!

Leggi tutto...

NipPop @FEFF20: The Scythian Lamb


Una pacifica cittadina di mare, sei ex-detenuti, uno zelante impiegato comunale e un insolito mostro protettore: questi gli ingredienti del nuovo film di Yoshida Daihachi che abbiamo visto per voi al FEFF20 in anteprima per l’Europa.

Leggi tutto...

NipPop@FEFF20 : The 8-Year Engagement


Tratto da un romanzo autobiografico e diretto da Zeze Takahisa, The 8-Year Engagement (8-nengoshi no hanayome: kiseki no jitsuwa 8年越しの花嫁: 奇跡の実話) racconta la difficile storia di malattia e guarigione di Mai e Hisashi, legati da un promessa scambiata sotto le stelle.

Leggi tutto...

NipPop @FEFF20 con il regista di Side Job: Ryūichi Hiroki


NipPop alla ventesima edizione del Far East Film Festival ha incontrato Ryūichi Hiroki, il regista di Side Job. Hiroki, classe 1955, dopo un esordio nell’industria dei pinku eiga, nel 1994 ottiene la notorietà a livello internazionale con 800 Two Lap Runners. Da allora alterna lavori commerciali (come Kabukicho Love Hotel, presentato al FEFF2015) a progetti più personali, come appunto Side Job (2017), incluso da Kinema Junpo nella classifica dei migliori dieci film dell’anno.

Leggi tutto...

NipPop @FEFF20 - Side Job


A sette anni di distanza dal grande terremoto che nel 2011 ha sconvolto il Tōhoku, per la prima volta un regista originario di Fukushima, Hiroki Ryūichi, racconta le storie di chi è rimasto. Nonostante il dolore.

 

Leggi tutto...

A-tipica Uchida: dal Giappone a NipPop 2018

 


Ripercorriamo la storia della prima importante ospite di NipPop 2018: Uchida Shungicu, artista caleidoscopica che fin dal suo debutto come mangaka si è posta ai limiti del mainstream indagando con un punto di vista attento e originale le diverse dimensioni della quotidianità.

Leggi tutto...

Tokyo Soundtrack: una musica muta per la fine del mondo


Quando la musica sarà messa a tacere, quale sarà il tuo canto?

È da qui che comincia il canto, con queste parole Hideo Furukawa consegna nelle mani del suo pubblico il romanzo Tokyo Soundtrack (trad. it. di Gianluca Coci). Un'opera ritmata, intensa e quasi sinfonica grazie alla sua capacità di fondere problematiche dolorosamente concrete e attuali con i moti della psiche, là dove la musica muore e tutto ciò che resta è un canto di rivolta. Cosa può l'uomo di fronte alla crudeltà del presente? Può abbandonarsi e muoversi per inerzia oppure ballare sulle note di un canto che fa tremare la terra dalle fondamenta e descrive i passi dei tre protagonisti di questa vicenda.

Leggi tutto...

Indecenza IN amore

 


Eros e Thanatos si fingono innocenti nel nuovo romanzo sui crimini d’amore di Kirino Natsuo, autrice di “Le quattro casalinghe di Tokyo”.

Leggi tutto...

Nara Yoshitomo: l’artista dell’infanzia sotto attacco

 


Per Nara Yoshitomo le immagini sono più forti delle parole: lo dimostrano i suoi dipinti delle bambine arrabbiate. 

Nara Yoshitomo è un artista giapponese conosciuto in tutto il mondo per i suoi dipinti di bambine arrabbiate: sono sole, all’erta, tengono strette in mano delle armi giocattolo, segno di un’infanzia che deve imparare a difendersi fin troppo presto dal mondo esterno.

Leggi tutto...

Un "Giovane robot" a dir poco favoloso

Quando i confini della robotica vengono infranti dal dolore: Il giovane robot di Sakumoto Yōsuke scopre il passato represso di un androide giapponese.

Leggi tutto...

  • 1
  • 2