"Un’estate con la Strega dell’Ovest": lezioni di vita per giovani streghe


Un’estate con la Strega dell’Ovest di Nashiki Kaho è un romanzo semplice, che possiede la capacità di parlare all’animo di chi legge. Racconta la storia di Mai, una tredicenne che non crede molto in sé stessa e ritiene di non avere la tenacia necessaria per affrontare il mondo. La Strega dell’Ovest, così chiama la nonna materna, non è d’accordo e in un’indimenticabile estate al bivio tra l’infanzia e l’adolescenza le impartisce preziose lezioni di vita.

Leggi tutto...

NipPop incontra Giacomo Calorio: To the Digital Observer


Recentemente Mimesis ha pubblicato il nuovo saggio dell’esperto di cinema giapponese e traduttore Giacomo Calorio, To the Digital Observer. Dopo averlo recensito non potevamo che intervistare l’autore. Ne è uscita una interessante discussione sul rapporto tra politiche culturali e diffusione della J-Culture, sugli sviluppi del J-Horror e la sua influenza internazionale, e sulle difficoltà che incontra un traduttore nel processo di adattamento culturale.

Leggi tutto...

L’amore tra giovani donne e la nascita della cultura shōjo: Storie di fiori di Yoshiya Nobuko


Dalla penna di una delle pioniere della letteratura per ragazze e della cultura shōjo, diciotto affascinanti racconti che ritraggono amicizie e amori fra giovani donne, tradotti per la prima volta in italiano da Paola Scrolavezza.

Leggi tutto...

NipPopBookClub: La notte dimenticata dagli angeli


Il crimine è una crepa, un vuoto di moralità e valori che permette di illuminare, come in un flash, gli aspetti profondi della realtà, ha dichiarato Kirino Natsuo, la regina del noir giapponese, qualche anno fa in un’intervista. 

Leggi tutto...

Introducendo un’introduzione: To the Digital Observer di Giacomo Calorio


Il nuovo saggio del critico e traduttore Giacomo Calorio affronta una difficile sfida: ricostruire i processi di digitalizzazione e internazionalizzazione che hanno reso la cultura pop del Giappone emblema del soft power e il suo cinema un asset stranamente secondario in quest’opera di diffusione. Concentrandosi su questioni tecniche e di fruizione, e grazie ai numerosi riferimenti - inaspettati in un saggio dalle dimensioni ridotte -, To the Digital Observer ridà centralità al cinema nel suo ruolo di strumento di analisi della cultura popolare nipponica e mette in prospettiva le retoriche e le pratiche che la interessano, fornendo notevoli spunti ai futuri ricercatori.

Leggi tutto...

NipPop Book Club: L’uomo che voleva uccidermi


Il 2020 si prospetta un anno ricco di eventi per NipPop e non potevamo che inaugurare al meglio il nostro nuovo programma di attività se non insieme ai fedeli partecipanti del NipPop Book Club. Mercoledì 12 febbraio l’incontro si è incentrato sull’autore contemporaneo Yoshida Shūichi e sul suo romanzo noir L’uomo che voleva uccidermi.

Leggi tutto...

37 Seconds: ritratto di una società “imperfetta”


37 secondi sono bastati per segnare irrimediabilmente la vita di Yuma. Nonostante le avversità che la vita pone sul suo cammino, Yuma non è disposta a rinunciare ai propri sogni, ritrovandosi a compiere un curioso viaggio alla (ri)scoperta di se stessa e della propria libertà. Presentato al Berlin Film Festival e al Tribeca Film Festival, 37 Seconds è distribuito a livello internazionale da Netflix.

Leggi tutto...

Sex education: Feticismo tra cross-dressing e tentai


Sex education, ormai nota serie televisiva della OTT Netflix, presenta, attraverso il format del comedy-drama, la vita di un gruppo di liceali alle prese con problemi sessuali. Il protagonista Otis decide di offrire, in cambio di un compenso, delle consulenze sessuali considerando le conoscenze di cui dispone per via di sua madre, una sessuologa (interpretata da Gillian Anderson) che cerca di affermarsi nel campo dopo il divorzio. Alcuni personaggi sono caratterizzati da vari feticismi o da problemi legati alla propria sessualitá, e uno di questi costituisce un caso molto interessante per il collegamento diretto con due specifiche pop culture erotiche giapponesi, il crossdressing alieno e il più ambiguo tentacle sex.

Leggi tutto...

NipPop intervista Daniela Travaglini: La voce di Kurihara Sadako


In occasione della pubblicazione del volume di Kurihara Sadako, una preziosa selezione di poesie a verso libero composte tra il 1941 e il 1983 e di saggi scritti a partire dagli anni Sessanta, e dedicati alla dolorosa esperienza del bombardamento atomico, abbiamo incontrato la curatrice e traduttrice, Daniela Travaglini.

Leggi tutto...

La voce di Kurihara Sadako: i ciliegi di Hiroshima e la poetica della bomba atomica.


6 agosto 1945. È una data rimasta impressa nella storia. Un evento drammatico ha scosso l’umanità, lasciando tracce indelebili. La bomba atomica si avventa sul Giappone, spazzando via la città di Hiroshima, il 9 agosto è la volta di Nagasaki. 

Leggi tutto...

  • 1
  • 2