Ayumi Hamasaki: il Cirque de Minuit giunge al termine

 

Il 5 luglio, all’arena di Yokohama, si è concluso l’Ayumi Hamasaki ARENA TOUR 2015 A ~ Cirque de Minuit ~.

Iniziato come Countdown live - una serie di concerti che la cantante tiene tradizionalmente ogni fine dell’anno - il 29 dicembre, è successivamente stato portato in giro per il Giappone nella forma di tour, guadagnandosi il favore della stampa locale che lo ha incoronato “miglior tour nella storia dell’artista”. Oltre a rappresentare, con le sue 3 ore e 45 minuti di durata, il concerto più lungo da lei mai realizzato.

Per questo tour Hamasaki, conosciuta dai più per i suoi concerti di portata grandiosa, si è ispirata niente meno che al celebre Cirque du Soleil, portando in scena uno spettacolo accattivante, maestoso e a tratti inquietante. Tutto si può dire se non che questa volta l’artista non sia riuscita a superare se stessa: Cirque de Minuit è un capolavoro indiscusso di espressione artistica ed emozionale.

Con una intrigante miscela di canzoni rock, pop e ballate, Hamasaki ha dimostrato di sapersi destreggiare con disinvoltura tra una buona performance vocale, acrobazie aeree, scenografie mozzafiato, cambi di costume, gag divertenti e interpretazioni intime e commoventi. Seguendo l’ordine della scaletta, l’intero concerto sembra affrontare un intenso percorso di crescita e maturazione interiore: nella parte iniziale troviamo Hamasaki in preda a instabilità emotiva, paura e incertezza per il futuro; dopo il primo interludio, la cantante si carica di combattività, disposta a non dar retta a nessuno se non ai propri desideri; nella terza parte dello show sopravviene tuttavia una presa di coscienza dei propri limiti e la realizzazione di non potersi liberare delle proprie più profonde insicurezze; nella sezione successiva, Hamasaki sembra scendere a patti con una realtà secondo la quale nessuno è perfetto, per questo abbiamo sempre bisogno di qualcuno al nostro fianco; lo show si chiude quindi con una rinnovata voglia di andare avanti, abbracciando le proprie debolezze e imparando semplicemente ad accettarle.

Tra acrobati, giullari, ballerini, equilibristi e un enorme elefante argentato, guardando Cirque de Minuit sembra proprio di assistere a un circo. Ciò che colpisce, tuttavia, è la particolare enfasi posta sull’aspetto sinistro dello stesso, la sensazione celata che qualcosa non sia al posto giusto, che quello che sta avvenendo sia qualcosa di anomalo, disturbante: quasi come se ci trovassimo catapultati in una dimensione onirica. Ed è proprio qui che ci vengono in aiuto le parole rilasciate da Hamasaki stessa in un’intervista per il sito 109 News: “Nessuna delle persone che compaiono in scena è viva, solo che alcune lo sanno e altre no.” Cirque de Minuit, dunque, non è altro che un sogno che ci guida in un breve viaggio nell’aldilà, un viaggio attraverso il quale imparare a guardarsi dentro, accettare i propri limiti e vivere il presente con la più profonda intensità. Il risveglio dal sogno avviene con l’encore, al quale la cantante riserva le canzoni più allegre e spensierate, quelle da cantare con i fan per potersi divertire insieme e salutare con un sorriso.

Di seguito la setlist del concerto:

  1. Duty

  2. Pride

  3. Microphone

  4. Lost in Trance (interludio)

  5. GAME

  6. my name’s WOMEN

  7. until that Day…

  8. 1 LOVE

  9. WARNING

  10. Diary (interludio)

  11. HAPPY ENDING

  12. Secret

  13. Last minute

  14. Tears (interludio)

  15. A song for xx

  16. Out of control

  17. WALTZ (interludio)

  18. Anything for You

  19. forgiveness

  20. progress

  21. a Bell (interludio)

  22. Rule

  23. Lady Dynamite

  24. immature

  25. evolution

  26. Mirrorcle World

Encore:

  1. teddy bear

  2. Step by step

  3. Movin’ on without you

  4. Medley (Sunrise ~LOVE is ALL~ / BLUE BIRD / indipendent / You & Me / Greatful days / blossom / July 1st)

  5. Boys & Girls

  6. The Show Must Go On

  7. Who…

Double encore:

34. MY ALL

 
  • NipPop x FEFF 24 - Missing

    Una mattina, la giovanissima Kaede scopre che il padre è scomparso senza lasciare traccia: parte allora alla sua ricerca, senza
  • 1